Giornata Mondiale della Tubercolosi 2017

English translation

WTBD2017_Logo_FullColor_RGB_IT

Questo slideshow richiede JavaScript.

Anche quest’anno UMdL partecipa attivamente alla Giornata Mondiale per la lotta alla Tubercolosi 2017 organizzata dalla Stop TB Partnership e supportata dalla World Health Organization (WHO) e dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

UMdL ha collaborato con Stop TB Partnership  alla traduzione in italiano dei poster per la Campagna disponibili alla pagina:  http://www.stoptb.org/events/world_tb_day/2017/materials.asp.

Tema della Campagna è il confronto tra Mito e Realtà sul tema della Tubercolosi con frasi chiave quali: OGNI ANNO OLTRE 10 MILIONI DI PERSONE CONTRAGGONO LA MALATTIA; LA TUBERCOLOSI È LA MALATTIA INFETTIVA CON PIÙ MORTI AL MONDO; LA TUBERCOLOSI È UNA MALATTIA TRASMESSA PER VIA AEREA PRESENTE IN OGNI PAESE. SIAMO TUTTI VULNERABILI; SONO DISPONIBILI MENO DELLA METÀ DELLE RISORSE NECESSARIE PER PORRE FINE ALLA TUBERCOLOSI; IL VACCINO ATTUALMENTE DISPONIBILE NON PROTEGGE GLI ADULTI DALLA TUBERCOLOSI; ESISTE UN TRATTAMENTO PER EVITARE DI CONTRARRE LA MALATTIA SE SI È STATI ESPOSTI ALLA TUBERCOLOSI; LA TUBERCOLOSI È CURABILE CON UN TRATTAMENTO CHE COSTA APPENA 30 DOLLARI; LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE NON SONO PIÙ CONTAGIOSE POCO DOPO L’INIZIO DEL TRATTAMENTO ANTITUBERCOLARE; OGNI ANNO PIÙ DI 4 MILIONI DI PERSONE CHE CONTRAGGONO LA TUBERCOLOSI NON HANNO ACCESSO AD UN’ASSISTENZA DI QUALITÀ.

Da alcuni estratti della più recente scheda informativa sulla Tubercolosi pubblicata sul sito della WHO si evince:

” La Tubercolosi si colloca tra le prime 10 cause di morte a livello mondiale.

Nel 2015 10,4 milioni di persone hanno contratto la Tubercolosi e 1,8 milioni di persone sono decedute a causa della malattia (comprendendo anche 0,4 milioni affette anche da HIV). Oltre il 95% delle morti per Tubercolosi si verifica in paesi a basso e medio reddito; 6 paesi contano il 60% del totale, con a capo l’India, seguita da Indonesia, Cina, Nigeria, Pakistan e Sud Africa.

Circa 1 milione di bambini nel 2015 si è ammalato di TB e ne sono morti 170.000 (non includendo i bambini affetti anche da HIV). La Tubercolosi è la prima causa di morte tra gli HIV-positivi: nel 2015 il 35% dei decessi tra coloro che presentavano HIV era dovuto alla Tubercolosi.

Globalmente nel 2015 circa 480.000 persone hanno sviluppato una Tubercolosi multi-farmaco resistente (MDR-TB).

L’incidenza della Tubercolosi è diminuita in media del 1,5% ogni anno a partire dal 2000; è necessario aumentare al 4-5% il tasso di diminuzione annuo per raggiungere il traguardo posto per il 2020 dalla “End TB Strategy“.

Tra il 2000 ed il 2015 circa 49 milioni di vite sono state salvate grazie alla diagnosi ed al trattamento della Tubercolosi.

La Tubercolosi (TB) è causata da un batterio (Mycobacterium tuberculosis) che il più delle volte colpisce i polmoni. La Tubercolosi è curabile e prevenibile.

poster1La End TB Strategy, adottata dalla World Health Assembly nel maggio 2014, è un modello per porre fine alla epidemia di TB a livello nazionale riducendo le morti, l’incidenza ed eliminando i costi elevati legati alla malattia. Ciò presuppone degli obiettivi di impatto a livello globale al fine di ridurre le morti da TB del 90%, decurtare dell’80% i nuovi casi tra il 2015 ed il 2030 e per assicurarsi che nessuna famiglia sia gravata dai costi catastrofici causati dalla TB.
Porre fine alla epidemia di TB entro il 2030 è tra gli obiettivi di salute adottati dai nuovi Sustainable Development Goals. La WHO ha un ulteriore obiettivo ed ha prefissato per il 2035 una riduzione del 95% delle vittime e del 90% dell’incidenza della TB (livelli sovrapponibili a quelli attualmente presenti in paesi a bassa incidenza di tubercolosi).

La strategia si avvale di 3 pilastri strategici che devono essere posti sul campo per porre fine in modo efficace alla epidemia:
1. Cura e prevenzione centrata sul paziente;
2. Politiche decise e sistemi di supporto;
3. Intensificazione della ricerca e della innovazione.
Il successo della Strategia dipenderà dal rispetto dei paesi dei seguenti 4 principi chiave e da come essi renderanno effettivi gli interventi fondanti di ciascun pilastro:
supervisione e assunzione di responsabilità dei governi con il monitoraggio e valutazioni; stretta alleanza con le organizzazioni della società civile e delle comunità; protezione e promozione dei diritti, dell’etica e dell’equità tra gli esseri umani; adattamento della strategia e degli obiettivi a livello nazionale con collaborazione a livello globale.”

[Tradotto da: WHO – Media Center – Tuberculosis Fact sheet N°104 Reviewed March 2017]

Dati WHO del 2015 mostrano che in Italia la mortalità per Tubercolosi (tra i non affetti da HIV) è stata di 0,55 (0,54-0,55) ogni 100.000 persone, l’incidenza della TB nella popolazione è stata di 5,8 (5-6,7) casi per 100.000 abitanti. Questi ed ulteriori dati sono disponibili nella banca dati alla pagina: Tuberculosis country profiles.

WORLD TB DAY 2017: UNITE TO END TB Join the 2017 Campaign!

Lucio Fellone (lucio.fellone@gmail.com / lucio.fellone@unisi.it) / con la collaborazione della Dott.ssa Sveva Indini (sveva.indini@gmail.com)

I nostri link alla: Giornata Mondiale della Tubercolosi 2016,  Giornata Mondiale della Tubercolosi 2015,  Giornata Mondiale della Tubercolosi 2014

Aggiornato al 23/03/2017

                                                    ———————————

Continua a leggere