Giornata Mondiale della Tubercolosi 2017

English translation

WTBD2017_Logo_FullColor_RGB_IT

Questo slideshow richiede JavaScript.

Anche quest’anno UMdL partecipa attivamente alla Giornata Mondiale per la lotta alla Tubercolosi 2017 organizzata dalla Stop TB Partnership e supportata dalla World Health Organization (WHO) e dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

UMdL ha collaborato con Stop TB Partnership  alla traduzione in italiano dei poster per la Campagna disponibili alla pagina:  http://www.stoptb.org/events/world_tb_day/2017/materials.asp.

Tema della Campagna è il confronto tra Mito e Realtà sul tema della Tubercolosi con frasi chiave quali: OGNI ANNO OLTRE 10 MILIONI DI PERSONE CONTRAGGONO LA MALATTIA; LA TUBERCOLOSI È LA MALATTIA INFETTIVA CON PIÙ MORTI AL MONDO; LA TUBERCOLOSI È UNA MALATTIA TRASMESSA PER VIA AEREA PRESENTE IN OGNI PAESE. SIAMO TUTTI VULNERABILI; SONO DISPONIBILI MENO DELLA METÀ DELLE RISORSE NECESSARIE PER PORRE FINE ALLA TUBERCOLOSI; IL VACCINO ATTUALMENTE DISPONIBILE NON PROTEGGE GLI ADULTI DALLA TUBERCOLOSI; ESISTE UN TRATTAMENTO PER EVITARE DI CONTRARRE LA MALATTIA SE SI È STATI ESPOSTI ALLA TUBERCOLOSI; LA TUBERCOLOSI È CURABILE CON UN TRATTAMENTO CHE COSTA APPENA 30 DOLLARI; LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE NON SONO PIÙ CONTAGIOSE POCO DOPO L’INIZIO DEL TRATTAMENTO ANTITUBERCOLARE; OGNI ANNO PIÙ DI 4 MILIONI DI PERSONE CHE CONTRAGGONO LA TUBERCOLOSI NON HANNO ACCESSO AD UN’ASSISTENZA DI QUALITÀ.

Da alcuni estratti della più recente scheda informativa sulla Tubercolosi pubblicata sul sito della WHO si evince:

” La Tubercolosi si colloca tra le prime 10 cause di morte a livello mondiale.

Nel 2015 10,4 milioni di persone hanno contratto la Tubercolosi e 1,8 milioni di persone sono decedute a causa della malattia (comprendendo anche 0,4 milioni affette anche da HIV). Oltre il 95% delle morti per Tubercolosi si verifica in paesi a basso e medio reddito; 6 paesi contano il 60% del totale, con a capo l’India, seguita da Indonesia, Cina, Nigeria, Pakistan e Sud Africa.

Circa 1 milione di bambini nel 2015 si è ammalato di TB e ne sono morti 170.000 (non includendo i bambini affetti anche da HIV). La Tubercolosi è la prima causa di morte tra gli HIV-positivi: nel 2015 il 35% dei decessi tra coloro che presentavano HIV era dovuto alla Tubercolosi.

Globalmente nel 2015 circa 480.000 persone hanno sviluppato una Tubercolosi multi-farmaco resistente (MDR-TB).

L’incidenza della Tubercolosi è diminuita in media del 1,5% ogni anno a partire dal 2000; è necessario aumentare al 4-5% il tasso di diminuzione annuo per raggiungere il traguardo posto per il 2020 dalla “End TB Strategy“.

Tra il 2000 ed il 2015 circa 49 milioni di vite sono state salvate grazie alla diagnosi ed al trattamento della Tubercolosi.

La Tubercolosi (TB) è causata da un batterio (Mycobacterium tuberculosis) che il più delle volte colpisce i polmoni. La Tubercolosi è curabile e prevenibile.

poster1La End TB Strategy, adottata dalla World Health Assembly nel maggio 2014, è un modello per porre fine alla epidemia di TB a livello nazionale riducendo le morti, l’incidenza ed eliminando i costi elevati legati alla malattia. Ciò presuppone degli obiettivi di impatto a livello globale al fine di ridurre le morti da TB del 90%, decurtare dell’80% i nuovi casi tra il 2015 ed il 2030 e per assicurarsi che nessuna famiglia sia gravata dai costi catastrofici causati dalla TB.
Porre fine alla epidemia di TB entro il 2030 è tra gli obiettivi di salute adottati dai nuovi Sustainable Development Goals. La WHO ha un ulteriore obiettivo ed ha prefissato per il 2035 una riduzione del 95% delle vittime e del 90% dell’incidenza della TB (livelli sovrapponibili a quelli attualmente presenti in paesi a bassa incidenza di tubercolosi).

La strategia si avvale di 3 pilastri strategici che devono essere posti sul campo per porre fine in modo efficace alla epidemia:
1. Cura e prevenzione centrata sul paziente;
2. Politiche decise e sistemi di supporto;
3. Intensificazione della ricerca e della innovazione.
Il successo della Strategia dipenderà dal rispetto dei paesi dei seguenti 4 principi chiave e da come essi renderanno effettivi gli interventi fondanti di ciascun pilastro:
supervisione e assunzione di responsabilità dei governi con il monitoraggio e valutazioni; stretta alleanza con le organizzazioni della società civile e delle comunità; protezione e promozione dei diritti, dell’etica e dell’equità tra gli esseri umani; adattamento della strategia e degli obiettivi a livello nazionale con collaborazione a livello globale.”

[Tradotto da: WHO – Media Center – Tuberculosis Fact sheet N°104 Reviewed March 2017]

Dati WHO del 2015 mostrano che in Italia la mortalità per Tubercolosi (tra i non affetti da HIV) è stata di 0,55 (0,54-0,55) ogni 100.000 persone, l’incidenza della TB nella popolazione è stata di 5,8 (5-6,7) casi per 100.000 abitanti. Questi ed ulteriori dati sono disponibili nella banca dati alla pagina: Tuberculosis country profiles.

WORLD TB DAY 2017: UNITE TO END TB Join the 2017 Campaign!

Lucio Fellone (lucio.fellone@gmail.com / lucio.fellone@unisi.it) / con la collaborazione della Dott.ssa Sveva Indini (sveva.indini@gmail.com)

I nostri link alla: Giornata Mondiale della Tubercolosi 2016,  Giornata Mondiale della Tubercolosi 2015,  Giornata Mondiale della Tubercolosi 2014

Aggiornato al 23/03/2017

                                                    ———————————

Continua a leggere

Giornata mondiale per la lotta all’epatite virale 2015

English translation

 WHD+globe-Italianwhdlogo

       Anche quest’anno il 28 Luglio UMdL partecipa alla Giornata mondiale per la lotta all’epatite virale organizzata dalla World Hepatitis Alliance e sostenuta dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) e dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC). In tutto il mondo sono stati pianificati diversi eventi per promuovere l’iniziativa.

I principali slogan di quest’anno sono “PREVIENI L’EPATITE: DIPENDE DA TE” e “PREVIENI L’EPATITE: AGISCI SUBITO”. Il sito ufficiale dell’evento fornisce numerose informazioni per tutti coloro che hanno interesse ad apprendere notizie sull’argomento al fine di prevenire le epatiti: le epatiti, acquisizione di alcune informazioni, la vaccinazione, sangue e sicurezza delle iniezioni, diminuzione della trasmissione delle malattie.

Il dottor Baruch Samuel Blumberg nacque il 28 luglio 1925 a New York. Lo scienziato scoprì nel 1967 il virus responsabile dell’epatite B ed assieme ad i suoi colleghi sviluppò il primo vaccino contro l’epatite B; nel 1976 fu insignito del Premio Nobel per aver raggiunto tali risultati. A partire dal primo e fondamentale articolo realizzato[1] i ricercatori hanno realizzato numerosi progressi nell’ambito della prevenzione e del trattamento delle epatiti virali.

Esistono 5 differenti tipi di virus dell’epatite (A, B, C, D ed E) e sono note diverse modalità di trasmissione (per i virus B, C e D ciò avviene prevalentemente per contatto di sangue con sangue e talvolta tramite il contatto con altri fluidi corporei; i virus A ed E vengono trasmessi principalmente attraverso il cibo o l’acqua contaminata o a causa di una scarsa disponibilità di servizi igienici adeguati).

Tutti i virus dell’epatite possono provocare infiammazione del fegato e l’infezione cronica da virus B e C può portare alla cirrosi ed al carcinoma epatico. Circa 240 milioni di persone convivono con un epatite B cronica e circa 130–150 milioni di persone nel mondo presentano una epatite cronica da virus C.[2, 3]

Nel mondo muoiono circa 4.000 persone al giorno a causa delle epatiti virale B e C (1,45 milioni di persone ogni anno). Chiunque può effettuare la vaccinazione contro l’epatite B soprattutto se in precedenza non è stata eseguita in maniera adeguata. Tra le persone maggiormente a rischio per epatite B vi sono coloro che fanno uso di droghe per via iniettiva, il personale sanitario, il personale che lavora negli istituti penitenziari, coloro che esercitano la prostituzione. Attualmente sono disponibili nuove linee guida sull’epatite B realizzate dalla WHO.[4]

Ogni anno vengono effettuate almeno 16 miliardi di iniezioni (il 90% di esse avvengono in ambito sanitario). Secondo la WHO ogni anno circa 8 miliardi di trattamenti medici effettuati tramite le iniezioni potrebbero essere somministrati per via orale. Punture effettuate in assenza di sicurezza causano ogni anno fino a 33.800 infezioni da HIV, 1,7 milioni di infezioni da epatite B e 315.000 da epatite C. Sia i pazienti che i professionisti in ambito sanitario sono a rischio di infortuni provocati da punture di aghi. La WHO ed altre associazioni internazionali (il Safe Injection Global Network (SIGN), l’UNICEF e la GAVI Alliance) ritengono che il fulcro di questa battaglia sia rappresentato dalla educazione sull’importanza di usare materiale sterile, di effettuare procedure sicure, di eliminare le iniezioni superflue e di vagliare meglio i materiali da utilizzare. Oggigiorno esistono in commercio numerose nuove siringhe intelligenti.[5] Questi dispositivi sono stati progettati con meccanismi che ne provocano la auto-inattivazione o ne prevengono il riutilizzo. Sono disponibili maggiori informazioni all’interno delle nuove linee guida realizzate dalla WHO su questo argomento.[6]

Lucio Fellone (lucio.fellone@gmail.com) / Ultima modifica il 26/07/2015
Link all’articolo sulla Giornata mondiale della lotta all’epatite virale 2014

——————————

Bibliografia

  1. Blumberg BS, Alter HJ, Visnich S. A ‘‘new’’ antigen in leukemia sera. JAMA 1965;191:541-546 [Pubmed].
  2. World Health Organization – Media Centre – Hepatitis B Fact Sheet N°204: http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs204/en/  [Last accessed July 2015].
  3. World Health Organization – Media Centre – Hepatitis C Fact Sheet N°164: http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs164_apr2014/en/ [Last accessed July 2015].
  4. World Health Organization – Guidelines for the prevention, care and treatment of persons with chronic hepatitis B infection. Published on March 2015. Pp.166.ISBN:978 92 4 154905 9. http://www.who.int/mediacentre/news/releases/2015/hepatitis-b-guideline/en/ .
  5. World Health Organization – Injection safety – Injection safety policy and global campaign: http://www.who.int/injection_safety/global-campaign/en/ [Last accessed July 2015].
  6. World Health Organization – WHO guideline on the use of safety-engineered syringes for intramuscular, intradermal and subcutaneous injections in health-care settings. WHO/HIS/SDS/2015.5. http://www.who.int/injection_safety/global-campaign/injection-safety_guidline.pdf?ua=1 .

——–

Materiale

hepatitis-graph-blue-largehepatitis-graph-green-large

hepatitis-graph-orange-largehepatitis-graph-pink-large

image-policy-harm-reduction-message-2-englishimage-public-injection-and-blood-safety-message-1-englishimage-public-vaccination-and-treatment-message-2-englishimage-public-vaccination-and-treatment-message-3-english

infographic-blood-and-injection-safety-eninfographic-harm-reduction-eninfographic-know-the-facts-eninfographic-vaccination-en

Giornata Mondiale per la Lotta alla Tubercolosi 2015

English translation World TB Day 2015

UMdL partecipa alla Giornata Mondiale per la lotta contro la Tubercolosi 2015 organizzata dalla Stop TB Partnership e supportata dalla World Health Organization (WHO) e dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

133 anni fa il dottor Robert Koch individuo’ il Mycobacterium Tuberculosis, l’agente infettivo causale della Tubercolosi (TB). Dati ottenuti dal WHO Global Tuberculosis Report 2014 mostrano che circa 9 milioni di persone nel Mondo si sono ammalati di TB nel 2013 (1,1 milioni di essi erano affetti anche da HIV). Nel 2013 sono morte 1,5 milioni di persone per infezione tubercolare. Dal 2000 al 2013 sono state salvate 37 milioni di vite grazie all’accesso ad opportuni trattamenti. Nel 2013, si stima che ci siano stati circa 480.000 casi di Tubercolosi da micobatteri multi-farmaco resistenti (MDR-TB). Progressi nella diagnosi e nella cura dei casi di MDR-TB stanno avvenendo rapidamente. Le WHO Guidelines on the Management of Latent Tuberculosis Infection (LTBI) 2015 forniscono valide indicazioni di Salute Pubblica sulla gestione di gruppi di persone ad elevato rischio per la riattivazione della malattia.

Tanto è stato fatto ma tanto c’è da fare dato che circa 3 milioni di nuovi casi di TB ogni anno vengono misconosciuti.

countries_default_test.htm_txt_Map-22countries

I 22 Paesi con l’80% dei casi di TB al Mondo: 1. Afghanistan, 2. Bangladesh, 3. Brasile, 4. Cambogia, 5. Cina, 6. Rep. Dem. del Congo, 7. Etiopia, 8. India, 9. indonesia, 10. Kenya, 11. Mozambico, 12. Myanmar, 13. Nigeria, 14. Pakistan, 15. Filippine, 16. Federazione Russa, 17. Sud Africa, 18. Rep. Uni. di Tanzania, 19. Thailandia, 20. Uganda, 21. Vietnam, 22. Zimbabwe. Fonte: Stop TB Partnership (24/03/2015).

Global TB report 2014

Guidelines on the Management of LTBI

Giornata Mondiale della lotta contro la Tubercolosi 2014

English translation

UMdL partecipa alla Giornata Mondiale della lotta contro la Tubercolosi organizzata dalla  Stop TB Partnership  e sostenuta dalla World Health Organization (WHO) e dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC).  In tutto il mondo sono programmati numerosi eventi per promuovere l’iniziativa.

Il 24 marzo 1882,  il dottor Robert Koch annunciò di aver individuato il Mycobacterium tuberculosis, l‘agente infettivo causale della tubercolosi (TB).

La malattia presenta tuttora una rilevanza ed una diffusione globale.  Secondo la WHO  circa un terzo della popolazione mondiale è stata infettata dal bacillo tubercolare;  solo una piccola porzione tra gli infettati si ammalerà di TB. Nel 2012 si sono ammalate circa 8,6 milioni di persone nel mondo; circa l’80% dei casi  si è verificato in soli 22 Paesi del mondo. Circa 3 milioni di malati non sono adeguatamente trattati. Nessun Paese è riuscito ad eliminare completamente  la malattia dal suo territorio. Le persone con un  sistema immunitario più debole sono quelle a maggior rischio di sviluppare la tubercolosi.  Talvolta, la presenza di micobatteri tubercolari multiresistenti, a causa della mancata risposta ai farmaci convenzionali, comporta più difficili e più dispendiosi trattamenti.       

In Italia il tasso di incidenza della TB  è tra i più bassi al mondo, tuttavia,  sono presenti degli ambiti lavorativi  e dei contesti sociali in cui la possibilità di contagio è ancora elevata.

Di seguito la brochure informativa dell’evento (in lingua inglese), un poster della CDC ed il Bollettino Ufficiale della Regione Toscana N.52 del 24 dicembre del 2013 (recepimento e testo integrale dell’Intesa di Conferenza Stato Regioni sul documento recante “Controllo della tubercolosi: obiettivi di salute, standard e indicatori – 2013-2016” , dell’Accordo di Conferenza Stato Regioni sul documento recante “Prevenzione della tubercolosi negli operatori sanitari e soggetti ad essi equiparati”  e dell’Accordo di Conferenza Stato Regioni sulle “Linee guida per l’adozione dei piani di controllo e certificazione nei confronti della paratubercolosi bovina”).

Bollettino Ufficiale Regione Toscana N.52 dicembre 2013

Bollettino Ufficiale Regione Toscana N.52 24 dicembre 2013